PNL

PNL

La Programmazione Neuro linguistica (PNL) è innanzitutto un atteggiamento mentale di curiosità, desiderio di esplorazione, e voglia di trasformare se stessi.

Richard Bandler e John Grinder Grinder, un matematico appassionato di informatica e un linguista, all’inizio degli anni 70 osservarono da vicino il modo di fare dei migliori psicoterapeuti al mondo.

Il loro linguaggio, gesti, il tono di voce e la postura.

Desideravano capire come questi “maghi” (venivano chiamati proprio così) riuscissero ad aiutare le persone ad accedere a cambiamenti così rapidi, efficaci, e duraturi.

Così, scoprirono che l’esperienza che noi facciamo delle cose ha una sua struttura

Il linguaggio che utilizziamo ad esempio si compone di determinate regole e una determinata sintassi, le quali esprimono l’esperienza interna che le persone hanno di un rapporto, di un evento, di una situazione. 

Le nostre immagini interiori rispetto a un evento passato o futuro, hanno delle caratteristiche specifiche per ognuno di noi. Sono grandi, piccole, luminose, fisse, oppure sono delle immagini in movimento, sono dei film.

Attraverso determinate tecniche e sequenze, è possibile cambiare queste strutture.

Modificare quindi gli schemi mentali che ci limitano, gestire le emozioni, essere più motivati e progettare nel modo migliore le proprie scelte di vita.

Raggiungendo così gli obiettivi e i risultati che desideriamo in modo più rapido, semplice ed efficace

In qualità di docente di Programmazione neuro linguistica presso la scuola C. I. P. A. di Roma, riconosciuto a livello internazionale in PNL dalla Society of NLP di Richard Bandler, aiuto le persone a superare i propri limiti, a compiere delle scelte importanti, e a migliorare se stesse nel lavoro, nelle relazioni, nello stile di vita.

Utilizzare la Programmazione neuro linguistica su di sé significa utilizzare il cervello per cambiare, aprendo le porte della propria anima su nuovi mondi.

In sostanza vuol dire accedere a una maggiore capacità di scelta, e quindi a una più grande libertà.

 

 

Menu